venerdì 31 luglio 2015

July Book Haul

Salve gente!
Come sempre alla fine di ogni mese, ecco il mio book haul! Diciamo che ultimamente ho un pò le mani bucate.. devo decisamente cominciare a ridimensionarmi eheh..


- Il diario di Bridget Jones, Helen Fielding
- Il Viaggiatore, John Twelve Hawks
- Emma, Jane Austen
- Il Drago di Ghiaccio, George R. R. Martin
- Poirot non sbaglia, Agatha Christie
- Suite Francese, Nemirovsky
- High School Criminal, Mark Walden


_________________________________________________________________________________
 
Devo darmi una controllata. Nel giro di due mesi ho comprato qualcosa come undici libri (!) Caterina, frena quel maledetto portafoglio. Coomunque, questo mese ho fatto dei veri e propri affari- , il mercatino dell'usato è sempre presente- e mi sono portata a casa dei veri  gioiellini muahah.

Saldi, Sconti & Low Prices

 Cominciamo col parlare di Emma, della Austen. Desideravo con tutto il cuore leggere un libro di questa autrice, anche perchè ultimamente mi è presa voglia di leggere qualche classico- non so se sia più un desiderio o una cosa autoimposta. Fatto sta che giusto l'altro giorno ho trovato Emma al supermercato a pochissimo prezzo e la cosa è andata più o meno così:
Madre: "Ti piace?"
Io: "Sì"
Madre: "Prendilo"
Anche mia madre si è arresa, considerate solo questo. Ho preso poi Suite Francese- altro classico- di cui ho sentito parlare mooolto bene. Anche questo era un low price e non ho potuto non prenderlo s-u-b-i-t-o. Arriviamo poi alla "chicca" del mese: Il drago di ghiaccio, di niente popò di meno che George R. R. Martin. Io amo questo autore, sono proprio innamorata del suo stile di scrittura, leggerei anche la sua lista della spesa. Ho approfittato di un'offerta della Giunti e l'ho preso sul sito.. quando è arrivato a casa non immaginavo di trovarmi davanti a questo:



ADORO. E' quasi interamente illustrato e i disegni sono veramente stupendi. Sono rimasta davvero sconvolta, andavo allegramente in giro per la casa spalmando il libro sotto il naso di tutta la famiglia e ho continuato ad aprire pagine a random per tutta la giornata.. #casoperso

 Mercatino dell'Usato      
      
Tralasciando il fatto che mi sono completamente dimenticata di mettere un libro (che metterò più otto) Amo il mio mercatino. L'ho già detto almeno trecentonovantaquattro volte ma non riesco a stare zitta: amo quel dannato mercatino. Questo mese mi sono portata a casa quattro libri praticamente nuovi e ho speso circa una decina di euro. Il diario di Bridget Jones lo volevo da tanto tempo, ma le poche volte che lo vedevo in libreria non avevo abbastanza dinero, quindi quando l'ho visto-con un abile gioco di mano- l'ho preso e l'ho messo nella pila da portare alla cassa. Poirot non si sbaglia è un pò rovinato perchè è il più vecchio tra quelli che ho preso, ma dopo aver letto Assassinio sull'Orient Express devo assolutamente leggere qualcos'altro della Christie perchè il personaggio di Poirot mi è piaciuto veramente tanto. De Il Viaggiatore- Cronache del Quarto Regno non avevo mai sentito parlare (considerate che non sono riuscita nemmeno a trovare ll'edizione italiana su Goodreads) ma la trama sembra interessante: si tratta di una sorta di sci-fi/ fantasy.. (?) Staremo a vedere! Ultimo ma non ultimo è High School Criminal, di Mark Walden. Devo ammettere che inizialmente mi ha attirato la copertina, perchè secondo me è davvero carina. Poi però ho letto un pò la trama e, bhè, ho pensato: devo leggerlo. Anche qui staremo a vedere eheh.. 


E anche per questo mese è tutto. Credo che non vedrete questa rubrica per un bel pò, perchè ho intenzione di far respirare un pò il mio povero portafoglio e quindi nei prossimi mesi vorrei prima terminare la lettura dei libri che già sono nella mia libreria.. Mission Impossible Bookish Style.

- Mangialibri

mercoledì 29 luglio 2015

My monthly recap: July

Ma come vola il tempo?! E' davvero assurdo.. manca solo un mese e poi l'estate sarà praticamente andata e sono riuscita a fare neanche la metà delle cose che mi ero prefissata.. HELP! Questo mese è stato abbastanza movimentato: tra problemi di salute, spostamenti vari e lavoro, diciamo che ho avuto un bel pò da fare. A livello di blogging non sono proprio stata eccelsa ma almeno ho provato a mandare avanti la baracca eheh.. Ci sono però state delle cose decisamente positive nel corso di questo mese:

be positive #1: Bum Bam Book ha compiuto un anno!
be positive #2: Sono riuscita a portare avanti la mia TBR (e non scherzo xD)
be positive #3: SONO RIUSCITA A PORTARE AVANTI LA TBR!!
be positive #3: Sto finalmente leggendo con costanza un libro di Tolkien
be positive #4: Ho già detto che sono riuscita a poRTARE AVANTI LA MIA TBR?!?!   


LETTURE DEL MESE 

 Questo mese le letture sono state tutte molto piacevoli. Ho cominciato con Wonder di R.J. Palacio (4/5), che era il libro scelto per questo mese dalla Lega Lettori.. Mi ha sorpreso, perché nonostante in tantissimi me lo avessero consigliato, eo convinta che la storia non mi sarebbe piaciuta più di tanto. Wrong.. Wonder in realtà mi è piaciuto e mi ha piacevolmente sorpreso, spero di riuscire a pubblicare la recensione al più presto! Dopo il libro di R.J. Palacio ho letto Il mio splendido migliore amico (4/5), che per alcuni versi mi è piaciuto troppo, mentre per altri mi ha deluso. Ero super-emozionata per quanto riguardava la lettura di questo romanzo: recensioni fantastiche (soprattutto di Splintered), copertina favolosa.. DOVEVO LEGGERLO! Alla fine però in alcuni punti non mi ha convinta come speravo (x qui la recensione c:)  E' poi arrivato Will ti presento Will (4/5), scritto a quattro mani da John Green e David Levithan. Questa è stata una delle poche volte in cui le mie aspettative iniziali erano azzeccate: il libro mi è sì piaciuto, ma non tanto quanto li hanno fatto gli altri libri di Mr. Green. #reviewtocome.
__________________________________________________________________________________

 POST DEL MESE

___________________________________________________________________________________

MY TV-Shows AND FILMs

Questo mese ho visto molti film e troppe serie tv. Ho continuato a guardare Shameless:  ho terminato la prima stagione e mi  mancano gli ultime tre episodi della seconda. Ho proseguito con la prima stagione di Teen Wolf, ma vado mooooolto a rilento.. Adoro Stiles. Caso chiuso. Ho cominciato anche a guardare Vikings, devo proseguire con le puntate, ma sembra carino. 
Per quanto riguarda i film: sono andata al cinema una sola volta, seguendo il richiamo della foresta lanciatomi da quell'uragano di Melissa McCarthy. In altre parole ho visto solo Spy. E mi è piaciuto parecchio, tra l'altro. 

E anche Luglio è ormai andato.. alla prossima!
- Mangialibri

 

sabato 25 luglio 2015

TAG: Book blogging Things I suck at.

Buonasera gente!
Come vanno le vostre letture? Io ho intenzione di cominciare a leggere Lo Hobbit (anzi, credo che lo comincerò a leggere questa sera c:).. Oggi vi lascio un tag. , è una vita che non pubblico un tag, ma questo realizzato da Mel di The Bookshelf mi ispirava parecchio, ergo cominciamo subito!!
 


Banner preso da The Bookshelf


#1: POST ISPIRATI                                           

Vado a giornate. Per riuscire a scrivere un post che mi piaccia devo aspettare il momento proprizio (sì, consultazioni metereologiche e via dicendo danza della pioggia compresa.) A volte l'ispirazione non arriva e passo ore davanti al pc col desiderio sconfinato di scrivere un bel post su un qualsiasi argomento, anche l'ennesimo sterminio di massa di George Martin, ma nulla. Nada, zero. E ciò porta al punto #2..


#2: COSTANZA                                                  

 Visto che vado molto "alla giornata" anche i miei post non seguono un ritmo ben scandito nel tempo. Rubriche che io definisco settimanali vengono lasciate a se stesse per mesi (vedi Midweek Recap) e altre che invece potrebbero essere messe a discreta distanza l'una dall'altra si succedono anche più volte nel giro di due settimane.. #Isucktoomuch

#3: GRAFICA E HTML. SOPRATTUTTO HTML.        

Combatto con l'HTML da quando ho aperto il blog. Tutt'ora non capisco cos'è che vada storto, giuro che c'è stato un periodo l'estate scorsa in cui avevo perso la cognizione del tempo cercando di applicare un menù quantomeno decente (che poi da allora non ho più toccato eheh..) Per la grafica poi sono negata. Photoshop è il mio nemico giurato subito dopo l'applicazione di Blogger e la mia unica salvezza sono stati Pinterest, Tumblr e Pixlr. Sia ringraziato Pixlr. 

#4: RECENSIONI

Come per i post, anche per le recensioni vado molto ad ispirazione. Ci sono volte in cui butto giù i miei pensieri subito dopo aver terminato un libro, mentre ce ne sono altre in cui aspetto settimane prima di trovare finalmente lo stato mentale per scrivere. In alcuni casi rinuncio addirittura del tutto a scrivere la recensione, il più delle volte perché il libro mi ha  dato così tanto che non riuscirei a parlarne nel modo che vorrei. Le mie il recensioni non hanno poi una lunghezza media: o sono microscopiche o sono papiri. Non riesco a capirne il motivo, ma semplicemente è così.

#5: INIZIATIVE

In più di un anno di book blogging non sono ancora riuscita ad organizzare nessuna iniziativa. Per esempio volevo organizzare qualcosa per il primo compleanno del blog, che è stato il 22 Luglio (sto rimandando il post perché ho in mente qualcosa di carino) e invece ho finito con il lasciare tutto allo sbando. Avrei in mente tantissime idee, il problema principale è che io e la mia testa non siamo ben coordinate e sono sicura che mi dimenticherei le tappe di un eventuale GDL o di aggiungere alla lista i nuovi blog partecipanti ad un linky party.. con un po' di calma riuscirò anche io a darmi da fare!

ALTRI SUCK:
# Ricordarmi in quale post di quale blog ho fatto un commento
# Ribadire continuamente che all'inizio di un qualche libro le mie aspettative erano diverse, perché tanto ormai lo sappiamo tutti che non ci prendo mai
# Giurare e spergiurare cose in ogni singolo post
# Usare "", "ergo", "Cavolo!"
# Le virgolette.. è una cosa che mi porto dietro anche nella vita di tutti i giorni.. what a suck
# Uso troppe parentesi


- Mangialibri

 
 

lunedì 20 luglio 2015

Recensione: Il Mio Splendido Migliore Amico, di A.G. Howard


Salve gente!
Mi. Sto. Liquefacendo (?). Di solito quando fa caldo e le circostanze lo permettono  le persone vanno a rinfrescarsi, giusto? Non io. Perché quando fa caldo la sottoscritta si rintana a leggere dentro casa e muore di caldo ogni. dannata. volta. E' più forte di me: caldo= chiuditi in casa al buio.
Piccola parentesi sulle mie assurdità, oggi vi lascio la recensione di Il Mio Splendido Migliore Amico, della Howard. Ho letto questo libro per il GDL organizzato da Maria del blog Blog Expres. Questo libro mi è piaciuto molto, ma non quanto mi sarei aspettata..



Il Mio Splendido Migliore Amico (Splintered #1)
A.G. Howard
Newton Compton Editori
400 pagine

Alyssa Gardner ha il dono di poter sentire i sussurri dei fiori e dei bruchi. Peccato che per lo stesso dono sua madre è finita in un ospedale psichiatrico. Questa maledizione affligge la famiglia di Alyssa fin dai tempi della sua antenata Alice Liddell, colei che ha ispirato a Lewis Carroll il suo Alice nel Paese delle Meraviglie. Chissà, forse anche Alyssa è pazza, ma niente sembra ancora compromesso, almeno per ora. Quando la malattia mentale della madre peggiora improvvisamente, Alyssa scopre che quello che lei pensava fosse solo finzione è un’incredibile verità: il Paese delle Meraviglie esiste davvero, è molto più oscuro di come l’abbia dipinto Carroll e quasi tutti i personaggi sono in realtà perfidi e mostruosi. Per sopravvivere, Alyssa deve superare una serie di prove, tra cui asciugare il lago di lacrime di Alice, rimanere sveglia all’ora del tè soporifero, domare un feroce Serpente. Di chi potrà fidarsi? Di Jeb, il suo migliore amico, di cui è segretamente innamorata? Oppure dell’ambiguo e attraente Morpheus, la sua guida nel Paese delle Meraviglie?

"Nessuno sa di cosa è capace finchè le circostanze non si fanno più scure che mai"


Devo ammettere che questo libro un pochetto mi ha delusa. Avevo delle aspettative altissime, non vedevo l'ora di averlo tra le mani e di perdermi nella storia.. e questo, forse, mi ha giocato un brutto tiro. Con questo però non voglio dire che il libro non mi sia piaciuto, ma solo che mi aspettavo qualcosa di più.

La protagonista della serie, Alyssa Gardner, ha sedici anni, è un'artista che da quando è diventata "donna" viene tormentata dalle voci di insetti e fiori. Cosa fa per zittirli? Li uccide e li usa per i suoi quadri. Prima cosa macabra che ho letteralmente adorato. Ma perchè Al riesce a sentire queste voci? Perchè lei è una discendente di Alice Liddle, la stessa Alice che molto tempo fa scese nalla tana del Coniglio e che da allora, con le sue scelte, ha condannato tutte le donne della sua famiglia alla pazzia. Quando Alison, la madre di Alyssa, internata da molti anni in un manicomio, deve essere sottoposta ad un delicato intervento che potrebbe nuocere ai suoi ricordi e non solo, Al scopre che per salvarla deve scendere nel Paese delle Meraviglie per rimediare ai guai causati da Alice durante il primo viaggio e liberare così dalla maledizione Alison, lei stessa e tutte le sue future discendenti.
 
Il mio rapporto con Il Mio Splendido Migliore Amico Splintered (questo titolo mi piace di più c:) è
stato un rapporto fatto di alti e bassi, causati soprattutto- se non solo ed esclusivamente- dai personaggi, che a volte non sono riuscita a comprendere. Alyssa come ho già detto è un'artista, ama lo skateboard e lavora insieme alla sua migliore amica Jenara in un negozio vintage. E' un personaggio abbastanza particolare: il fatto che riesca a sentire le voci dei fiori e degli insetti, il fatto che la sua famiglia sia stata distrutta dai problemi psicologici, il suo ostinato non voler somigliare ad Alison per paura della prospettiva della vita in manicomio, la rendono un personaggio speciale. Alla fine però Alyssa vorrebbe solo zittire quei mormorii e vivere senza l'ombra di Alice Liddle a rovinarle la vita. Al scopre una parte di se stessa nel sorso della sua avventura ( una parte di se che ha da sempre cercato di reprimere) soprattutto a causa delle stravaganti e intricate vicende che la coinvolgono. Alyssa mi è piaciuta abbastanza e spero che la Howard me la faccia apprezzare di più nei prossimi volumi, perchè secondo me ha grandissime potenzialità. Jeb è il migliore amico di Alyssa che viene inconsciamente trascinato nell'impresa della ragazza. Il suo personaggio non mi è piaciuto più di tanto, anche se un pò si è ripreso alla fine della storia, mi è sembrato il classico bello-e-ribelle-dal-passato-infuocato, non so se mi spiego. Arriviamo poi a Morpheus, uno dei personaggi più particolari che mi sia mai capitato di incontrare: luce e ombra, rabbia e amore.. inutile dire che mi è piaciuto da morire. Le atmosfere descritte dalla Howard mi hanno letteralmente stregata: gotiche, estremamente eccentriche e a tratti assurde.
Gli abitanti del paese delle meraviglie non sono come quelle descritte da Carroll, ma esseri mostruosi, dark e incomprensibili. Le descrizioni della Howard le ho trovate splendide e vi giuro che a tratti mi è venuta la pelle d'oca. Ho adorato la particolarità della storia ed il suo intreccio, e pur non essendo un'amante dei triangoli, quello presente in questo romanzo non mi ha dato particolarmente fastidio
(smielatezze varie a parte).
In conclusione devo dire che Il Mio Splendido Migliore Amico mi è piaciuto, anche se non quanto avrei voluto. Spero che pubblichino presto in Italia il secondo volume della seria! #Can'twait

- Mangialibri






sabato 18 luglio 2015

Segnalazione: Failure to Queen, di Irene Colabianchi + Booktrailer & Estratto

 
Salve gente!
Come ve la passate? Io ultimamente mi sono data alla lettura compulsiva. Ora sto leggendo Will ti presento Will di David Levithan e John Green.. sono solo all'inizio, ma sembra proprio carino! Avevo proprio bisogno di un po' di JG, mi mancavano i suoi romanzi.
Oggi diamoci alle segnalazioni. Vi lascio infatti quella del libro Failure to Queen, primo libro della Boogeyman Saga, di Irene Colabianchi
Failure to Queen (Boogeyman Saga #1)
Irene Colabianchi
304 pagine (ebook)/ 360 pagine (cartaceo)
Fantasy Romance (YA)

Crystal Young ha sedici anni e vive con il padre in una cittadina del Vermont, sulle rive di un lago. Vive una vita ordinaria, tra amici e scuola. Finirà per dover affrontare diverse insidie, quando in città arriva Elliott Davis e i suoi amici. Sono ragazzi scontrosi, misteriosi ed estremamente affascinanti. 
Crystal dovrà andare alla ricerca di spiegazioni per scoprire cosa sta succedendo e perché d'improvviso avvengono fatti inspiegabili: il padre rischia di morire diverse volte e qualcuno sembra proprio avercela con lui e la figlia, gli stessi Davis sono strani e lei si ritrova ad avere a che fare con l'arrogante Elliott. Sono entrambi presi l'uno dall'altra senza neanche rendersene conto, ma, come dice il detto, niente è come sembra e quando Crystal avrà la risposta a tutte queste stranezze, dovrà fare delle scelte e imparare a conoscere il mondo della Scacchiera Nera, dove i componenti del gioco degli scacchi sono creature dall'aspetto umano e l'anima d' ombra, che fanno riferimento all'Uomo Nero.  
La Scacchiera Nera svelerà i suoi segreti... Sarete pronti ad incontrare l’Uomo Nero?

L'autrice

  Irene Colabianchi è nata a Roma nel 1999. Frequenta il Liceo Artistico “Via di Ripetta”. Le piace scrivere e passeggiare per i parchi della sua città. È chiamata da tutti ‘la scrittrice’.
Failure to Queen è il primo romanzo della Boogeyman Saga di cui fanno parte anche altri romanzi (The Match e Checkmate, altri racconti a seguire). 

Contatti
Email: irecola999@gmail.com
Facebook: Irene Colabianchi 
Goodreads: Irene Colabianchi 
 
Contattando l'autrice per Email (irecola999@gmail.com) o tramite Facebook è possibile acquistare la copia autografata del romanzo con il segnalibro

Dove acquistare Failure to Queen?
Amazon (x)
Mondadori- Kobo-  (x
Googleplay (x)
Apple Store (x)

Booktrailer

 

Estratto: 
 
Elliott si siede al mio fianco, sull’altra poltrona, e fissa la preside, senza degnarmi neanche di un saluto. Ed io dovrei passare l’intero pomeriggio con lui a ridipingere il laboratorio di chimica e pulire i tavoli, perché degli aspiranti scienziati devono sporcare l’aula ogni giorno.
A rifletterci… Questi lavori vengono sempre svolti il venerdì e oggi… È venerdì! Bene, sono fregata.
Amy gli sorride, poi mi guarda severa.  “Mi fido di lei, signorina Young”.
Annuisco, scoraggiata. “Conti pure su di me” mormoro annoiata.
Amy mi dà le chiavi dei laboratori di chimica e, con l’entusiasmo di un bradipo, esco dall’ufficio seguita dal dio della bellezza alle mie spalle. “Non capirò mai perché diavolo sei finito qui, proprio in questa scuola” borbotto giocherellando con le chiavi.
Mi appoggia una mano sulla spalla ed io mi divincolo, presa da un’improvvisa e, straordinariamente, piacevole scossa. “Non mi toccare”.
Alza un sopracciglio, la solita espressione dura. “Qui le regole sono molto rigide”.
Penso che tra poco gli conficcherò una delle chiavi nella coscia. “Non l’avevo capito”.
Riprendo a camminare, perché se non lo guardo, forse, la tentazione di fargli del male scompare e del tutto, spero. I corridoi sono vuoti e regna un silenzio spaventoso, accompagnato dallo stridio delle scarpe eleganti di Elliott e i miei stivaletti.
Devo cercare di recuperare la calma e il mio autocontrollo. E soprattutto devo lasciar scivolare via tutte le cavolate che dirà nell’arco di queste ore che passeremo insieme. 
Se fosse per me, l’avrei già cacciato fuori da questa scuola a calci, ma a quanto pare in questo liceo, Elliott e famiglia, piacciono a tutti.
Morgan mi ha riferito che Grace è davvero una ragazza simpatica e anche molto gentile. Quando me l’ha raccontato, le volevo ridere in faccia, ma ho visto con che serietà me l’ha detto e quindi ho iniziato a valutare l’idea di averla giudicata con troppa superficialità.
Sinceramente, a me Grace mette i brividi. JP mi fa venir voglia di scappare da questa scuola e Elliott di  ucciderlo, una possibilità alquanto legittima, se oggi mi fa perdere di nuovo la pazienza.
Scendiamo  al piano di sotto, percorrendo in silenzio il corridoio ed arrivando alle aule di chimica. Apro la porta della prima, l’aula numero trenta. “Puoi anche rimanere fuori” dico ad Elliott, poggiando la borsa su una delle sedie e osservando attentamente la stanza, per verificare il lavoro che devo fare.
Si issa su uno dei tavoli, le gambe penzoloni e la schiena perfettamente dritta. Mi osserva attentamente, scavandomi l’anima e sento i suoi occhi toccare il fondo di quest’ultima, che come un rimbalzo mi percuotono. “Cosa c’è da guardare?”
Sorride e per un attimo penso voglia chiedermi scusa per il suo comportamento nei miei confronti. “Tu. È divertente provocarti”.
“Sì, uno dei migliori passatempi del secolo” dico acida.
Ridacchia schernendomi. “Potrebbe…”
Apro e chiudo velocemente i pugni, attirando a me tutto l’autocontrollo che mi rimane, cioè praticamente zero. “Io… Ma fai così con tutte le ragazze?”
“Dovresti sapere che la gentilezza non è una mia priorità, quindi direi che puoi risponderti anche da sola” ribatte, il tono freddo e asciutto, senza alcuna emozione.
“Mio Dio. E ti parlo pure” sbotto dandomi della stupida, quindi raggiungo il ripostiglio, dove ci sono una serie di strumenti scientifici e degli scatoloni, in cui sono riposti i barattoli di vernice bianca e i rulli.
“Be’, è quasi impossibile resistermi”.
Alzo gli occhi al cielo e tiro fuori gli scatoloni. “Certo, come no. E le altre cosa dicono del tuo ‘scusate, la gentilezza non è una mia priorità’?” domando rifacendogli il verso.
Scrolla le spalle. “Piace”.
Corrugo la fronte e mi volto verso di lui, cercando di capire se sta facendo sul serio o se mi sta di nuovo prendendo in giro. “Come no…”
Annuisce e salta giù dal tavolo, con l’eleganza di un felino, quindi mi si avvicina, mantenendo il contatto visivo. “Più sei bastardo, più le donne ti vengono dietro”.
Deglutisco, ritrovandomi prigioniera dei suoi occhi e del suo sorrisetto beffardo. Un battito di ciglia mi tradisce e lo sguardo che ho cercato di tenere per tutto il tempo, si abbassa, mostrando la mia debolezza. “Peccato, sei solo un bastardo per me” dico risoluta, alzando gli occhi e facendo un sorrisetto furbo. “Una in meno, Elliott”.
Si gratta il mento, come se stesse facendo una riflessione molto saggia e valutasse la mia risposta da vari punti di vista. “Be’, l’ho notato. Ma una come te non conta, se ho uno stuolo di ragazze che farebbe la fila anche solo per parlarmi”.
Apro la bocca paralizzata, incapace di parlare. “Vorrei darti un pugno” affermo prendendo il rullo e aprendo uno dei barattoli di vernice. “Sta’ attento, Elliott. Non mi provocare”.
Ridacchia, incrociando le braccia al petto e osservandomi mentre sistemo i fogli di giornale lungo il battiscopa di ogni parete, per evitare schizzi di vernice sul pavimento. “Mi ricorderò della tua minaccia, Crystal. E per giunta del fatto che pratichi scherma e quindi sei pericolosa”.
Lo guardo male. “Ti prego, non mi parlare. Anzi, visto che dobbiamo farlo insieme questo lavoro, tu fai il lato di destra ed io quello sinistro, così non ci incontriamo mai e siamo concentrati ognuno a fare qualcosa che non sia parlare” dico e quasi lo imploro, perché non riesco più a tollerarlo.
Prendo il mio iPod dalla borsa e mi ficco le cuffiette nelle orecchie, sparando ad alto volume la musica dei Coldplay. E finalmente ritrovo un po’ di pace interiore, catapultandomi nella dimensione in cui voglio essere, buttandomi alle spalle Elliott e il suo ‘scusate, la gentilezza non è una mia priorità’.
Ma chi si crede di essere?
Forse si sente davvero Adone sceso dall’Olimpo, pronto a rubar cuori a tutte le ragazze del liceo. Oh… Ho voglia di vomitare.
Peccato, Amy la preside dovrà farmi fare il doppio del lavoro se imbratto l’aula dei miei residui corporei.
Passo il rullo sulle pareti, senza voltarmi neanche una volta a guardare Elliott, perché penso che se mi volto finisco per annegare di nuovo nei suoi occhi e non riuscire più a riemergere, neanche con un salvagente.
Penso che passino almeno due ore e la mia parte è quasi completata. Ho già ascoltato ben due album dei Coldplay e questo mi ha aiutato a ritrovare il sorriso. Il bradipo che c’è in me sembra essersi estinto.
D’un tratto il mio iPod si ferma sulla canzone Every teardrop in a waterfall, che spesso ascolto a casa quando sono sola e devo preparare la cena per me e Caleb. Mi è sempre piaciuta perché sembra darmi la carica giusta.
Distrattamente inizio a cantarla ad alta voce e a muovermi a ritmo di musica.


-Mangialibri
 

 

giovedì 16 luglio 2015

Midweek Recap #12 + News on Bum Bam Book

Salve gente!
E' vero, d'accordo: sono sparita dalla circolazione. Non c'è un vero e proprio motivo, semplicemente mi sono fatta prendere dalle serie tv (sorvoliamo l'argomento, please) e poi quando fa così tanto caldo io somiglio ad un bradipo rinco.. emh, eccessivamente calato nel suo ruolo c:
Fra poco meno di una settimana il blog compie un anno chi lo avrebbe mai detto.. quindi sto lavorando ad una nuova grafica (tanto per cambiare ehehe) e ho intenzione di fare qualche cambiamento! Anche se qualche novità c'è già: ho infatti aperto la pagina Facebook del blog, anche se ancora non ho pubblicato nulla (x here.) e ho anche creato un account Twitter (x here, bro).. e niente! Ancora devo attivarmi un pochino, ma spero di farcela! 


Cosa hai appena finito di leggere?


Ho terminato la settimana scorsa Wonder letto in tre giorni eheh, troppo carino e mi è piaciuto parecchio.. Ho già scritto la recensione e credo che la pubblicherò verso la fine del mese!

Cosa stai leggendo?

 
 Carino. Mi aspettavo decisamente molto di più.. mi ha un pochino delusa, soprattutto per quanto riguarda i personaggi. Il mondo descritto dalla Howard mi piace da matti (tanto per restare in tema..) Vedremo come procede..

Personaggio della settimana?




Il personaggio della "settimana", per così dire, è stato Jack Will. Il suo personaggio mi è piaciuto parecchio anche perchè un pò mi ci rivedo.. 

Canzone della settimana? Bring me to life, degli Evanescence

   
Beautifull cover della settimana?



- Mangialibri  


venerdì 3 luglio 2015

My Monthly Recap #6: June





Salve gente!
Siamo già da tre giorni nel mese di Luglio. Per me il mese di Giugno è stato quasi troppo abbastanza movimentato.. Il tempo per leggere (settimana di vacanza a parte) non è stato poi tanto, quindi anche a Giugno ho letto un. solo. libro. Spero di rifarmi il mese prossimo perchè la mia TBR trabocca e non so più dove sbattere *metaforicamente parlando, perchè altrimenti di posti ce ne sarebbero fin troppi* la testa. Visto che ho deciso di partecipare a due GDL questo mese, perchè io quando faccio una cosa poi finisco sempre con l'esagerare, ho pensato di fare una TBR nella TBR (?). Logica a parte, ecco qui il mio recap di Giugno c:

Letture del mese                                                           


Come dicevo prima, anche questo mese ho letto un solo libro. Non so perchè ma questa cosa mi irrita un pò. Mi blocco di continuo e non riesco mai a trovare il tempo per terminare nulla. Btw il libro che ho letto questo mese è davvero un libro coi controfiocchi: sto parlando de Il Grande Inverno, di George R.R. Martin. Questa saga mi sta davvero ossessionando. Sono partita col guardare la prima stagione della serie tv, e me ne sono così innamorata che ho cominciato anche Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. Come al solito il libro è ancora meglio! Lo stile di George Martin mi piace alla follia no, non è una frase fatta. Il caro sadico è ufficialmente entrato nella lista dei miei autori preferiti in assoluto... e forse è in cima. Non vedo l'ora di mettere le mani sul secondo volume!!

Post del mese                                                                 

- Let's look at the cover #2: Maze Runner-Il Labirinto
- Summer TBR: What do you wanna read?
- Let's look at the cover #3: Magnus Chase and the gods of Asgard
- Recensione: Senza Sangue, di Alessandro Baricco
- May & June Book Haul

My Tv-shows and films                                                     

Questo mese non ho guardato nessuna serie tv.. avrei una voglia pazzesca di guardare la seconda stagione de Il Trono di Spade, ma mi trattengo perchè prima voglio leggere il libro c: Ho però visto alcuni film (che mi sono piaciuti parecchio. Nessuno escluso): Jurassic World l'ho visto al cinema e mi è piaciuto forse più di tutti. Ho visto poi Pitch Perfect (altrimenti detto Voices) e Pitch Perfect II. Ma come ho fatto a non guardarli prima?! Fantastici entrambi!




TBR... nella TBR                                                                

Per Luglio ho scelto alcuni titoli dalla mia TBR. Come ho detto sopra, ho deciso di partecipare a due gruppi di lettura... posso farcela. Per il gruppo organizzato da Maria di Blog Expres ( cliccate qui se volete saperne di più c;) dovrò leggere Il mio splendido migliore amico. Questo libro mi affascina moltissimo, ne parlano tutti strabene e leggo sempre recensioni positivissime.. I must read it. Now. 
Invece per la Lega Lettori organizzata da Alessia di Il Profumo dei Libri leggerò Wonder di R.J. Palacio. Anche di questo libro in molti parlano benissimo. Lo ho da una vita ma non l'ho mai letto.. Era decisamente ora! Ho anche deciso che leggerò Noi siamo infinito, perchè quel libro è come una calamita sul mio scaffale e mi chiama costantemente. Poooi, se mi rimane tempo vorrei leggere Caccia al tesoro nell'Universo di Lucy e Stephen Hawking.. Che il tempio sia a mio favore!!

Anche per questo mese è tutto.. Quali sono state le vostre letture questo mese? 
-Mangialibri